Ricerca Navigation Map
Search
Navigation Map IT
DE   IT   EN   Chiudere

In cammino sul Dolomites UNESCO Geotrail

In dieci tappe e un totale di 176 chilometri, ci si immerge nella storia della formazione delle Dolomiti sul Dolomites UNESCO Geotrail.

Südtirol Dolomiten
Südtirol Dolomiten

Il punto di partenza del sentiero è ad Aldino, da lì si prosegue lungo i sentieri esistenti fino a Sesto. Ad ogni tappa, i camminatori scoprono molte informazioni interessanti sulla geologia delle Dolomiti. Il Dolomites UNESCO Geotrail è stato creato grazie alla collaborazione tra le associazioni AVS e CAI Alto Adige, i parchi naturali dell'Alto Adige, l'Ufficio geologico e di controllo dei materiali da costruzione, l'IDM Alto Adige, le associazioni turistiche dell'area dolomitica e il Dipartimento provinciale per la natura, il paesaggio e lo sviluppo territoriale con l'obiettivo di far conoscere il patrimonio naturale UNESCO delle Dolomiti sia ai residenti che agli ospiti. L'obiettivo è quello di esplorare e percepire il meraviglioso mondo alpino con tutti i sensi e, di conseguenza, rafforzare anche la responsabilità nei confronti del paesaggio e della natura.

Il Dolomites UNESCO Geotrail non trasmette solo molte informazioni interessanti sulle Dolomiti, ma rappresenta anche un'esperienza di montagna rilassata e un turismo di alta qualità, che si può vivere in totale in 19 stazioni diverse.

Sulla formazione delle Dolomiti

In passato, le Dolomiti erano chiamate "Montagne Pallide" dagli abitanti del luogo, finché infine il geologo francese Déodat de Dolomieu nel 18° secolo arrivò in questa regione e qui scoprì un minerale ancora sconosciuto, composto da magnesio e calcio. Da allora questo minerale è chiamato dolomite e le montagne in cui il geologo ha scoperto la roccia sono chiamate Dolomiti. La formazione delle Dolomiti è molto evidente soprattutto nella gola del Bletterbach, dove la storia della terra è pressata contro le pareti rocciose.

Circa 280 milioni di anni fa, l'area delle Dolomiti era un territorio pianeggiante e vulcanico e faceva parte del supercontinente Pangèa. Questo si divise infine e dalla terra vulcanica si sviluppò una pianura costiera, che emerse e scomparve più volte, fino a quando si formarono i due nuovi continenti del Paleoafrica e del Paleoeuropa, che in seguito si separarono. Infine si svilupparono i cosiddetti reef dolomitici, che a causa dei cambiamenti climatici sprofondarono in una bacino marino. Circa 30 milioni di anni fa, le Dolomiti emersero di nuovo, i depositi rocciosi furono piegati e si formarono le Alpi. A causa della forte pressione, molti strati delle Alpi si fusero insieme, ma molte formazioni rocciose originali delle Dolomiti rimasero intatte.

Vi piace il contenuto di questa pagina?
Dateci il vostro feedback!

Alloggi consigliati

Icon Hotel benessere Icon Hotel per escursionisti Icon Hotel romantici Icon Hotel lusso

Hotel Rosalpina

Bressanone/Plose ★★★★

Essere un tutt‘uno con la natura in alta quota. I nostri ospiti partono direttamente dall‘albergo sulle piste da sci della Plose!

Richiesta   Dettagli

Homepage   Icona a forma di cuore notare
Icon Appartamenti vacanze Icon Hotel per famiglie Icon Hotel per escursionisti

Appartments Kerschbaumer

Velturno ★★★

Benvenuto negli appartamenti Kerschbaumer a Velturno - Val Isarco - Alto Adige!

Richiesta   Dettagli

Homepage   Icona a forma di cuore notare
Icon Hotel benessere Icon Hotel per escursionisti Icon Hotel per ciclisti Icon Hotel per sciatori Icon Hotel romantici

Hotel Restaurant Zum Engel

Vipiteno ★★★★

Il Parkhotel Zum Engel a 4 stelle si trova alla periferia della città di Vipiteno. Godetevi la pura leggerezza del nostro hotel benessere e trascorrete vacanze indimenticabili nel cuore delle Alpi.

Richiesta   Dettagli

Homepage   Icona a forma di cuore notare
Icon Hotel per sciatori Icon Hotel per motociclisti

Hotel Klammer

Vipiteno ★★★

L‘albergo Gasthof Klammer in Alto Adige si trova a soli 5 minuti di cammino dal centro storico di Vipiteno,

Richiesta   Dettagli

Homepage   Icona a forma di cuore notare
Hotel del
mese
Nuova pubblicità - 03.06.2024 - 07:21:18

★★★★Natz/Schabs

Nuova pubblicità - 03.06.2024 - 07:21:18
  • Scoprire i mondi acquatici
  • Raccogliere ore di sole
  • Vivere momenti di piacere
  • Fit & Attivo

Offerte vacanze

I migliori
consigli
Per saperne di più
Passo dello Stelvio (a sinistra) e Punta Rossa di Martello (tutta a destra)
Foto: Armin Kübelbeck (modified by Svíčková and suedtirol-tirol) - CC BY-SA 3.0
Marcia delle 8 cime (Val Venosta)
Tribulaunhütte sui ultimi metri della salita al rifugio
Photo: Wikipedia-User: Cactus26 - CC BY-SA 3.0
Dal Tribulaun al Rifugio Magdeburger
Cascata di Parcines
Markus Rungg - CC-by-sa 3.0/de
Cascata di Parcines
Valle di Slingia Sudtirolese
Photo: Wikipedia-User: Mawamo - GFDL
Escursione ai Laghi del Pfaffensee (2222 m)
Dreischusterspitze, Schusterplatte und Paternkofel vom Gipfel der Kleinen Zinne
Christian Pellegrin - CC BY-SA 2.0
Escursione in montagna sulla Schusterplatte (2957 m)
La Punta della Lauge da nord-ovest
Photo: Wikipedia-User: Thesurvived99 - GFDL
Cima di Lavaredo (2433 m)
Vista su Roen da Karnol
Photo: Wikipedia-User: Plentn - Public Domain
Escursione sul Roèn (2116 m)
Radlsee e la malga Radlseehütte, visti dalla cima Königsangerspitze.
Photo: Wikipedia-User: Svickova - Public Domain
Escursione al Lago di Rodella (2196 m)
La Punta Hirzer (a sinistra, 2781m) da ovest
Photo: Wikipedia-User: Stevie-Ray78 - CC BY-SA 3.0
Escursione sul Hirzer (2781 m)
Spronser Seen: Grünsee - Naturpark Texelgruppe
Photo: Wikipedia-User: Noclador - CC BY-SA 3.0
Laghi di Sopranes (2126 - 2589 m)
Muthöhfe auf der Mutspitze
Photo: Wikipedia-User: Thesurvived99 - CC BY-SA 3.0
Escursione alla Mutspitze (2295 m)

Top Hotel


Chiudere
Chiudere