Ricerca Navigation Map
Search
Navigation Map IT
DE   IT   EN   Chiudere
comune storico al confine con la Svizzera

Tubre in Val Monastero

Situato a 1.250 metri, un po´ defilato dalle strade principali e perciò piacevolmente tranquillo – questa è la posizione di Tubre in Val Monastero. Qui, sul confine con la Svizzera, abitano 969 persone che fino a poco tempo fa erano quasi tutti occupate nell´agricoltura. Alcuni vacanzieri hanno intanto scoperto la bellezza della regione e perciò il turismo fiorisce negli ultimi anni sempre di più. Non sorprende, dato che qui sia vacanzieri attivi che famiglie trovano l´ideale punto di partenza per giorni pieni di divertimento. Due terzi del Val Monastero si trovano già in Svizzera e quindi molti luoghi da vedere del paese vicino sono giusto a due passi.

Ma lo stesso Tubre ha un sacco di attrazioni da offrire. Chi viene in mountain bike aspettano percorsi avventurosi intorno al Parco Nazionale dello Stelvio, escursionisti possono scegliere tra numerosi cammini panoramici, alpinisti e arrampicatori sono attratti dalle montagne attorno. D´inverno, quando Tubre si avvolge in una coperta di neve, nulla ostacola all´indimenticabile divertimento sugli sci. Più tranquille, ma non meno pretenziose sono le piste da sci di fondo.

Consiglio: una romantica corsa in carrozza da cavallo è soprattutto nella stagione fredda un´esperienza speciale. Con vestiti adatti alle temperature e nello zaino una teiera preparata con cura, si parte a ritmo piacevole a percorrere in lungo e in largo l´innevata Val Monastero. Mentre lo sguardo vaga nel lontano e la carrozza oscilla leggermente, stress e frenesia della vita quotidiana spariscono.

Muenstertal 1
Muenstertal 1
Muenstertal 2
Muenstertal 2

Sulle traccie dei castellani

Ogni tanto a Tubre ci si sente come in un´altra epoca e ce n´è una buona ragione: qui si trovano numerosi edifici storici che raccontano tante storie su loro origine e utilizzo. Le costruzioni sono in parte tutelati per conservare il loro carattere originario. Accanto ai ruderi dei castelli Rotund e Reichenberg, il famoso Castel Coira attrae ogni anno i visitatori appassionati. Quest´ultima si trova su una collina nell´idilliaca Val Venosta con lo sguardo volto verso l´imponente gruppo montuoso dell´Ortles. Da anni Castel Coira è in possesso della famiglia Trapp e può vantarsi di essere tra i miglior conservati impianti castellani di tutto l´Alto Adige.
Da marzo a ottobre questo castello meraviglioso apre le sue porte al pubblico e ciò che si può scoprire al suo interno è nel vero e proprio senso della parola favoloso: arcate incantate, giardini sontuosi, un torrione mistico e la più grande sala d´armi privata di tutta l´Europa. Nell´ambito di visite guidate la famiglia Trapp permette pure di accedere ai loro locali privati. Così ogni visitatore può farsi un idea del modo di vivere di una famiglia nobile entro delle mura talmente venerabili.

Le scale per il cielo

Gli appassionati di cultura non aspettano solo monumenti storici ma anche luoghi religiosi di rilievo. Alcuni di questi luoghi d’importanza culturale sono stati concentrati nel progetto „sentieri del cielo“ e resi così accessibili al pubblico. Fan parte del progetto per esempio la chiesa San Giovanni a Tubre. La pianta della chiesa assomiglia una croce greca. All´interno della chiesa possono essere ammirati affreschi dal tredicesimo e quattordicesimo secolo.

Consiglio: Chi passa le sue vacanze a Tubre dovrebbe cogliere l´occasione per attraversare il confine e visitare Müstair. Il monastero di San Giovanni è patrimonio dell´umanità.

Vi piace il contenuto di questa pagina?
Dateci il vostro feedback!

Hotel del
mese
Nuova pubblicità - 03.06.2024 - 07:21:18

★★★★Natz/Schabs

Nuova pubblicità - 03.06.2024 - 07:21:18
  • Scoprire i mondi acquatici
  • Raccogliere ore di sole
  • Vivere momenti di piacere
  • Fit & Attivo

Offerte vacanze

I migliori
consigli

Temi Vacanze estive

Passo dello Stelvio (a sinistra) e Punta Rossa di Martello (tutta a destra)
Foto: Armin Kübelbeck (modified by Svíčková and suedtirol-tirol) - CC BY-SA 3.0
Icon Escursione
Marcia delle 8 cime (Val Venosta)

Durante la marcia degli 8 picchi, anche la condizione fisica degli escursionisti più tenaci viene messa alla prova. Come suggerisce il nome, qui in circa 12 ore dovrebbero essere scalati 8 picchi e superati in totale 3.200 metri di dislivello.

Gola di Uina
Foto: Daniel Schwen - CC BY-SA 4.0
Icon Mountainbike
Giro in mountain bike della gola di Uina

Bovini al pascolo
Photo: Madeleine Schäfer - GNU-FDL
Icon Info
Alpeggio in Tirolo e Alto Adige

Le malghe nelle montagne dell‘Alto Adige e del Tirolo non sono solo mete popolari e idilliache per i turisti escursionisti, ma anche un fattore molto importante nell‘ecosistema delle Alpi.

Fuoco del Sacro Cuore
Photo: Wikipedia-User: Noclador - GFDL
Icon Info
Fuoco del Sacro Cuore in Tirolo

Ogni anno, la seconda domenica dopo la festa del Corpus Domini, una tradizione antichissima rivive in Tirolo: il fuoco del Sacro Cuore.

Törggelen
Icon Info
Törggelen in Alto Adige

Quando l‘autunno arriva nel paese, quando le foglie diventano colorate e la luce dorata, allora in Alto Adige inizia di nuovo la stagione del Törggelen.

Mela dell'Alto Adige
Photo: Viola sonans - GFDL
Icon Info
Mela dell‘Alto Adige

Ogni anno in autunno è di nuovo il momento della raccolta delle mele in Alto Adige. Terreni fertili e un clima mite con fino a 300 giorni di sole all‘anno permettono alla mela dell‘Alto Adige di crescere meravigliosamente.

Top Hotel

Chiudere
Chiudere