Ricerca Navigation Map
Search
Navigation Map IT
DE   IT   EN   Chiudere
I mondialmente famosi

Dolomiti

Fanno parte dei simboli del Sudtirolo - le Dolomiti con il loro aspetto frastagliato di cime, massicci, guglie e altipiani. Poiché si tratta di uno dei cinquanta paesaggi più belli d'Europa e la ricchezza di parchi naturali e nazionali è impressionantemente alta, alcune parti di questo gruppo montuoso nelle Alpi calcaree meridionali portano giustamente il titolo di "Patrimonio naturale dell'umanità UNESCO delle Dolomiti".

Dolomiti di Sesto
Dolomiti di Sesto - (c) zsigmondyhuette.com
Nelle Dolomiti di Sesto
Nelle Dolomiti di Sesto - (c) zsigmondyhuette.com
Paradiso escursionistico delle Dolomiti di Sesto
Paradiso escursionistico delle Dolomiti di Sesto
Catinaccio (2981m)
Catinaccio (2981m)
Sci al Catinaccio
Sci al Catinaccio
Lago di Carezza con il Latemar
Lago di Carezza con il Latemar

Da barriere coralline tropicali a possenti cime montuose

Tuttavia, non è sempre stato così qui. Potrebbe essere difficile da immaginare, ma un tempo le onde di un mare tropicale preistorico si infrangevano su poderosi reef marini e vaste barriere coralline. 230 milioni di anni fa, non c'era molto da vedere delle attuali montagne. Né della Marmolata, con i suoi 3.343 metri, la montagna più alta del gruppo delle Dolomiti, né delle Tre Cime, del Catinaccio, dello Sciliar, del Gruppo del Sella, del Gruppo delle Odle o del Sassolungo.

È stata solo grazie all'acqua di fusione e all'erosione che si è creata la caratteristica miscela di ripidi reef, guglie spettacolari, altipiani terrazzati e dolci pascoli in pendenza, per cui le Dolomiti sono oggi conosciute e amate.

Questo si manifesta in modo particolarmente pittoresco quando il sole tramonta e tutto si tinge di una luce magica e rossastra - lo spettacolo della natura, chiamato "Enrosadira", conferisce alle serate in Alto Adige un'atmosfera selvaggiamente romantica.

Mostra più testo

Un nome inciso nella pietra

Le Dolomiti devono il loro nome al mineralogista francese Déodat Gratet de Dolomieu, che alla fine del 18° secolo analizzò la roccia prevalente e scoprì una composizione carbonatica tipica del luogo, che in seguito sarebbe diventata nota come dolomia.

In realtà, solo una piccola parte del gruppo montuoso, che prima della scoperta di Dolomieu era chiamato "Monti Pallidi", è composta da quella roccia. La maggior parte è costituita da sedimenti calcarei, depositi di conchiglie e coralli, responsabili infine del tono grigio-bianco delle montagne.

Le attuali Dolomiti si estendono su cinque province italiane - Alto Adige, Trentino, Udine, Pordeone e Belluno. Le diverse altitudini e definizioni rendono difficile il conteggio, ma si può presumere che ci siano più di 60 cime principali che superano la magica soglia dei tremila metri. La già menzionata Marmolata è una di esse e ha anche l'unico grande ghiacciaio ancora esistente di questo gruppo montuoso.

Pellegrinaggio e tempeste di neve

Le Dolomiti sono delimitate a nord dalla Val Pusteria, a est dal Sesto, a sud dal fiume Piave e dalla Valsugana, a ovest dalla Valle Isarco e dalla Val d'Adige. Oggi la regione vive principalmente di turismo.

Dieci diversi sentieri alpini delle Dolomiti attirano escursionisti nella straordinaria natura, e in dodici aree sciistiche, che fanno parte del marchio "Dolomiti Superski", lo sci diventa un'attività a livello regionale: per 450 impianti di risalita è sufficiente un unico pass e si può sciare su oltre 1.200 chilometri di piste. Cortina d'Ampezzo è una di queste classiche località sciistiche, dove il "Dolce Vita" pulsante anche nei mesi invernali attira numerosi ospiti internazionali. Anche James Bond, l'agente segreto di Sua Maestà, la regina britannica, ha già staccato i suoi inseguitori sulle piste da sci qui.

Abbiamo esaminato più da vicino alcuni dei più importanti massicci montuosi e gruppi delle Dolomiti per voi.

Vi piace il contenuto di questa pagina?
Dateci il vostro feedback!

Colfosco con Passo Gardena e Gruppo del Sella
Gruppo del Sella

Dalla prospettiva aerea, il Gruppo del Sella è evidente da grande distanza – un‘imponente massa montuosa nelle Dolomiti, che si erge tra prati verdi e l‘altopiano roccioso.

Marmolata
(c) Wikipedia-User: Much89 - CC BY-SA 3.0
Marmolata

Come una regina, la Marmolata regna maestosa sulle montagne vicine. Dopo tutto, questa è la cima più alta delle Dolomiti, con la vetta Punta Penia alta 3.343 metri.

Le Tre Cime
Tre Cime di Lavaredo

Una delle formazioni montuose più famose delle Dolomiti sono sicuramente le Tre Cime tra le province italiane di Belluno e Alto Adige, che si ergono come tre giganti solitari dai campi di detriti scoscesi. A causa della loro impressionante presenza, sono anche considerate il simbolo delle Dolomiti.

Passo Gardena 2.121 m con le Cime Cir (2.592 m)
Gruppo del Cir

La schiena dentellata di un drago gigante addormentato? O canne d‘organo gigantesche che spuntano dalle rocce brulle? La propria fantasia determina ciò che il gruppo montuoso altoatesino a nord del Passo Gardena ricorda.

La Parete Rossa nel gruppo del Catinaccio
Catinaccio - Dolomiti Alto Adige

Il Catinaccio è probabilmente uno dei più famosi massicci montuosi delle Dolomiti. Intorno ad esso si intrecciano numerose leggende e miti, il più noto è probabilmente la leggenda del re nano Laurino e Dietrich von Bern.

Hotel del
mese
Nuova pubblicità - 03.06.2024 - 07:21:18

★★★★Natz/Schabs

Nuova pubblicità - 03.06.2024 - 07:21:18
  • Scoprire i mondi acquatici
  • Raccogliere ore di sole
  • Vivere momenti di piacere
  • Fit & Attivo

Top Hotel

I migliori
consigli

Offerte vacanze

Chiudere
Chiudere